“Un Monte d’Acqua”. Documentario indipendente

La green economy non è sempre verde.

L’Amiata è un monte d’acqua, tra le sue rocce contiene una delle più importanti riserve d’acqua potabile dell’Italia Centrale.

Ma un monte d’acqua è anche l’enorme massa di questa risorsa preziosissima che è andata persa negli ultimi decenni, e che secondo alcuni rischia di prosciugarsi per sempre. Il livello dell’acquifero dagli anni Sessanta ad oggi si è abbassato di almeno 200 metri.

L’Amiata è un antico vulcano ormai spento e qui, proprio dai primi anni Sessanta, l’Enel ha impiantato la geotermia.

Un Monte d’Acqua è il racconto collettivo di una comunità che vuole denunciare l’impatto ambientale, umano e sociale della geotermia; allo stesso tempo è un’inchiesta su una forma di produzione energetica “green” per nulla pulita né rinnovabile.

UnMONTEcover

Il film è composto da un’introduzione e da cinque capitoli che descrivono l’impatto della geotermia sull’Amiata dal punto di vista di cinque elementi: i quattro elementi naturali (fuoco, aria, terra e acqua) e un quinto elemento molto umano: il denaro.

Le riprese sono state effettuate tra il Giugno 2012 e l’Ottobre 2014.

 

Scheda Tecnica

Regia: Toni Montagna

Riprese: Diego Pelliccia, Luca Scaffidi, Marta Salvadori, Edgardo Cerretti, Alessia Piccinetti

Montaggio: Diego Pelliccia, Silvia Giammei, Marta Salvadori

Voce: Celeste Miolli

Musiche: Francesco Tanganelli, Marco Franceschelli, Malaspina

Post-produzione audio: David Matteucci

Post-produzione video: Gianluca Faberi

Progetto grafico: ErrePush

Produzione: sottoscrizione popolare – Produzioni Dal Basso

Anno: 2014

Durata: 56′

 

Autore:

Toni Montagna è apparso per la prima volta sul Monte Amiata. Si dice sia un’entità virtuale, un’identità collettiva. Non è un regista ma è spinto dalla necessità di comunicare. Non è un autore ma una mente comune, nata dalla voglia di raccontare e di essere raccontati, dall’incontro tra un gruppo di mediattivisti e coloro che da anni si (pre)occupano del futuro dell’Amiata. Un Monte d’Acqua è la prima fatica di Toni Montagna.

 

Soundtrack:

Intro: Fool for love intro (M. Franceschelli) – Disillusione (F. Tanganelli) // Capitolo 1, Fuoco: Disillusione acustic (F. Tanganelli) // Capitolo 2 – Aria: Clouds (M. Franceschelli) // Capitolo 3, Terra: Le lunghe mani del traditore (Malaspina) // Capitolo 4, Acqua: Fool for love (M. Franceschelli) // Capitolo 5, Denaro: Rivivo (Malaspina) – Far finta di capire (Malaspina) // Titoli di coda: Alò Enel come on! (F. Tanganelli)

 

Distribuzione:

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.



This entry was posted on martedì, marzo 31st, 2015 at 22:17 and is filed under Documentario. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. Both comments and pings are currently closed.